Sotto lo stesso manto

Sotto lo stesso manto

La festa del Terzo Settore a Matera 2019

  • InterTrainE Logo

Mariano Bauduin firma per la Silent Academy un moderno “Poema sinfonico”, una composizione che accoglie diversi generi musicali portandoli ad armonia. 23 minuti, un unico brano, quasi un centone armonico, affidato all’Orchestra di fiati di Grottole e percussioni etniche, oltre che una compagine di coro a voce naturale e due solisti. Il principio guida della composizione è la ricerca di armonia tra diversi brani, che vanno da una chiara forma di tammurriata per la Madonna, a una riorchestrazione della “Missa Luba”, concepita in una forma più afro-americana che tribale.

Due orchestrazioni strumentali di brani popolari su forme di Bossa Nova, un madrigale a 3 voci sui testi di Salomone “Nigra sum sed formosa”, un mottetto musicato dai compositori cinquecenteschi e seicenteschi come celebrazione della “Madre nera”. Conclude il tutto una forma di ninna nanna, su contaminazioni settecentesche colte.

“E’ la festa del terzo settore, per raccontare storie di donne e di uomini che ce l’hanno fatta, nonostante le avversità. Nell’epoca della disintermediazione, oggi, da Matera un’icona dimenticata ci ricorda l’urgenza di persone e realtà che costruiscano percorsi di cittadinanza per gli ultimi”

Michele Plati, presidente della cooperativa sociale Il Sicomoro

  • INTERCULTURAL TRAINING FOR EDUCATORS

Dopo la prima del 19 marzo a Matera, la performance è stata replicata il 24 maggio al Museo archeologico Nazionale di Palazzo Loffredo di Potenza e a Napoli il 26 luglio al Centro Asterix di San Giovanni a Teduccio per il Festival delle perierie.

L’azione scenica è stata al centro della festa del terzo settore voluta dalla cooperativa sociale il Sicomoro, insieme alla Fondazione Matera – Basilicata 2019, nell’ambito del programma della Silent Academy.

Hanno partecipato i rappresentanti delle più importanti realtà del non profit in Italia, tra cui Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore, e Giuseppe Bruno, Confcooperative Basilicata. I maestri migranti, lo stilista Eloi Sessou e alcune modelle hanno presentato anche al Premio Nobel per la Pace Betty Williams gli abiti realizzati nei laboratori che saranno indossati durante la performance.

Tante le storie “vere” raccontate nel corso della rappresentazione, immortalate in una simbolica tela: da Absa, diciottenne senegalese che vuole diventare una stilista e frequenta l’istituto di moda materano a Jenny, giovane donna nigeriana vittima di tratta, ospite del progetto di accoglienza del Sicomoro. E, ancora, Maria Domenica, non vedente che ha conosciuto l’amore della sua vita nella Residenza per anziani della cooperativa…

Sullo sfondo la grande tela seicentesca a cui è ispirato l’evento: la Madonna del Gonfalone, una madonna del manto speciale, icona materana dell’omonima confraternita. Sotto il manto in questo dipinto trovano spazio da un lato i confratelli, dall’altro i “raccomandati”: i poveri, gli ultimi, che la confraternita aiuta e “raccomanda” alla Madre.

Le confraternite, antesignane dell’impegno civico che oggi descrive il terzo settore, attraverso quest’icona ci ricordano che i poveri non si salvano da soli. L’icona diventa così simbolo del terzo settore impegnato a costruire percorsi per l’autonomia delle persone che altrimenti resterebbero ai margini della società, rendendo così effettiva la loro cittadinanza sotto quel mantello simbolo della Città di Matera.

Il restauro della grande tela

La festa del 20 marzo ha dato ufficialmente il via al restauro della tela della Madonna del manto materana, finanziato dalla cooperativa sociale il Sicomoro. Un simbolo potente del lavoro del Terzo Settore nella comunità lucana che la cooperativa vuole restituire alla città.

Condividi

Betty Williams incontra la Silent Academy

Betty Williams incontra la Silent Academy

I protagonisti della Silent Academy con il premio Nobel per la Pace

  • betty williams

Il premio Nobel per la Pace Betty Williams incontra i maestri migranti della Silent Academy e alcune modelle che stasera, alle 19 in piazza Duomo, daranno vita ad una performance firmata dal regista Mariano Bauduin. Protagonisti gli abiti firmati dallo stilista Eloi Sessou che si raccoglieranno sotto un grandissimo mantello in emergency blankets, le coperte dorate usate durante gli sbarchi, simbolo delle tragedie del Mediterraneo.

Betty Williams ha ascoltato commossa le storie di Absa, arrivata in Italia a 15 anni, che sogna di diventare una stilista e frequenta l’istituto di moda materano, e di Jennifer, anche lei arrivata in Italia ancora minorenne ora ospite del progetto SPRAR del Comune di Matera, gestito dalla cooperativa sociale il Sicomoro, che produce con la Fondazione Matera-Basilicata 2019 la Silent Academy.

“Questi vestiti sono favolosi, incredibili, perché raccontano una storia di integrazione. In Basilicata i rifugiati accolti vengono considerati dei valori, delle persone che possono portare un valore al nostro territorio. Questo progetto ne è l’esempio”

Betty Williams Presidente della Fondazione Città della Pace e Premio Nobel per la Pace

  • betty williams silent academy

Betty Williams è impegnata da anni in Basilicata a favore dei rifugiati con la Fondazione Città della Pace e dei Bambini, partner del progetto Silent Academy. La fondazione nasce nel 2003 durante la mobilitazione popolare in risposta al progetto di localizzare un deposito di materiale radioattivo in Basilicata a Scanzano Ionico, Betty Williams intervenne a sostegno di un utilizzo alternativo di questo territorio. Così da allora si occupa di realizzare un percorso di accoglienza, tutela e integrazione per le persone che hanno subito persecuzioni o temono di subirne a causa della loro etnia, religione, nazionalità o appartenenza a un certo gruppo sociale.

Il nobel per la pace

Ha ricevuto – assieme a Mairead Corrigan – il Premio Nobel per la Pace nel 1976 per il suo ruolo di cofondatrice della Community of Peace People, un’organizzazione che si batteva per una soluzione pacifica della questione dell’Irlanda del Nord. Attualmente è a capo della Global Children’s Foundation ed è presidente del World Centers of Compassion for Children International.

Condividi

Carlo, volto del Brancaccio

Carlo, volto del Brancaccio

Matera città del cinema, la sua memoria nella Residenza per anziani

  • InterTrainE Logo

La Residenza Brancaccio è la Casa della memoria cittadina, una memoria viva e ricca di sorprese inaspettate. Come quella del sig. Carlo, residente storico ormai del Brancaccio, che non si è perso neanche uno dei tanti set cinematografici che hanno animato la città negli ultimi decenni. “Appena c’è un film nuovo mi chiamano” dice orgoglioso, ha dedicato un intero cassetto dell’armadio in camera per conservare le foto scattate in compagnia di registi e attori arrivati a Matera, tutte rigorosamente in abiti di scena.

Al Brancaccio lo chiamano “il capoclasse”, alla soglia dei 90 anni ha ancora vivissimo lo spirito goliardico e affabulatorio con cui anima la vita della piccola comunità di coinquilini, non senza regalare qualche grattacapo agli operatori. Ci mostra la sua auto parcheggiata accanto a quella della direttrice e racconta orgoglioso dei suoi giri pomeridiani: i cantieri sono la sua passione e i suoi consigli sono apprezzatissimi dai capocantieri – dice lui – perché è l’unico che ricorda bene com’erano prima case e strade.

“Tutti mi chiedono come si viveva nei Sassi, ma ora la mia vita è al Brancaccio, è la mia casa, mi piace scherzare e stare in compagnia, sto bene”

  • tresor matera

DAL GRANDE AL PICCOLO SCHERMO CON MATERA 2019

Con Matera 2019 Carlo ha dismesso gli abiti di scena per inventarsi nei panni di testimone ufficiale della storia di riscatto e rinascita della città di Matera. A scoprire il talento di Carlo per la prima volta è stata Elena Malizia, che per TG2 Dossier ha raccontato il lungo percorso di Matera da Vergogna di Italia a Capitale della Cultura proprio a partire dalle storie, dai volti e dai ricordi dei residenti del Brancaccio. La puntata si apre con la voce commossa del maestro Lamanna, studioso acuto della storia cittadina anche lui residente al Brancaccio, per poi accompagnare gli spettatori nel cuore dei Sassi guidati proprio da Carlo, che mostra orgoglioso dov’era la sua casa.

Il debutto sul primo canale non si farà attendere, sarà Valentina Bisti a chiedere al nostro Carlo un servizio interamente dedicato alla sua Matera, per il TG1 delle 20.

Carlo allora viene tradotto, come nella tradizione dei migliori saggisti, in francese, tedesco e inglese, grazie al bellissimo lavoro della televisione franco tedesca Arte, che gli dedica un servizio poi reso disponibile su arte.tv.

48944745_2731958413696435_8215639165795041280_n

Condividi

Daniela, la mia storia sotto il manto

Daniela, la mia storia sotto il manto

Il lavoro aiuta a crescere

  • InterTrainE Logo

Daniela, con la sua storia, le sue aspirazioni, ha accompagnato il Sicomoro lungo una strada di impegno difficile ed entusiasmante, che si è coronata da poco. E’ la strada che ha riportato in attività la cooperativa sociale MEST, con cui il Sicomoro ha raccolto la sfida di creare un contenitore dedicato alle attività di inserimento lavorativo speciale.

Un percorso che Daniela conosce bene e che ha affiancato con tenacia e pazienza, dalle prime sperimentazioni con “Linea d’ombra” fino all’opportunità che si è aperta con la gestione della Residenza Brancaccio, di costruire le condizioni per un lavoro davvero a misura di tutti.

È anche così che Daniela è diventata una delle protagoniste della Silent Academy, il progetto che stiamo producendo con la Fondazione Matera Basilicata 2019. C’era anche lei, vestita di bianco, sotto il grande mantello dorato che ha preso vita nell’azione scenica firmata da Mariano Bauduin il 20 marzo scorso. “Sotto lo stesso manto” è il titolo della performance che la Silent Academy ha messo in scena nella Chiesa del Purgatorio, a Matera. Un manto diventato simbolo di una città che sa accogliere e integrare, grazie ai percorsi costruiti dalle tante realtà attive del privato sociale.

Occasione che ha permesso a Daniela di incontrare nei giorni precedenti il premio nobel Betty Williams, interessata a conoscere meglio la Silent Academy, di cui è partner con la Fondazione Città della pace e dei bambini.  La storia e forza di Daniela hanno colpito molto il nobel per la pace in visita a Matera, tra le due è nata subito un’intesa incredibile culminata in un lungo abbraccio che ha emozionato tutti.

betty williams matera

“Il lavoro è importante! Devo stare attenta a tante cose, non è sempre facile, ma i miei colleghi sono bravissimi e mi aiutano sempre”

  • tresor matera

LINEA D’OMBRA

Il progetto “Linea d’ombra” finanziato da Fondazione con il Sud ha inteso sostenere l’inserimento lavorativo di soggetti portatori di disabilità psichiche attraverso un programma di tirocini formativi che ha coinvolto la maggior parte degli enti e dei servizi territoriali materani coinvolti nell’integrazione sociale e lavorativa di persone con disagio e disabilità psichica.

Dal punto di vista organizzativo il progetto, che si è basato su un approccio di de-istituzionalizzazione del disagio psichico, ha previsto due principali fasi di lavoro.
Una prima fase di ingresso e accoglienza ha previsto, grazie al coinvolgimento di un’equipe multidisciplinare, l’attivazione di interventi di orientamento e attività laboratoriali e di socializzazione di gruppo, finalizzati ad una valutazione delle competenze e delle abilità sociali dei destinatari. Successivamente, sono stati avviati i venti percorsi di uscita – i tirocini di inserimento lavorativo – che sono stati personalizzati sulle caratteristiche dei destinatari e hanno coinvolto sia imprese profit esterne, che cooperative sociali.

Un’esperienza pilota sarà, inoltre, dedicata alla sperimentazione di un modello di inserimento lavorativo – il lavoro supportato – per persone affette da autismo e altre disabilità di grande dipendenza.

_PRZ8965

Condividi

Einstein, dislessico geniale?

Einstein, dislessico geniale?

Cos'è la dislessia e come affrontarla

  • InterTrainE Logo

Sono davvero tante le testimonianze di attori, scrittori, scienziati e uomini di business che si sono fatti strada trasformando la loro difficoltà di partenza in una marcia in più. Einstein, Victoria Beckham, Agatha Christie, George Washington, Leonardo Da Vinci,Pablo Picasso sono solo alcuni tra i nomi più noti che hanno dovuto fare i conti con i disturbi specifici dell’apprendimento, dimostrando che possono non essere soltanto un limite, anzi!

Whoopi Goldberg, l’attrice premio Oscar per il film «Ghost – Fantasma» ha raccontato: «Quand’ero piccola non la chiamavano dislessia. Ti dicevano che eri lenta, un po’ tonta. Io sapevo di non essere stupida, ma sentirsi chiamare così è una ferita difficile da rimarginare».

Anche Leonardo da Vinci, quintessenza dell’uomo rinascimentale dall’ingegno multiforme, pittore, scultore, architetto, inventore, scienziato, letterato, è considerato un dislessico ante litteram per via della sua caratteristica scrittura speculare (da destra a sinistra e con le lettere scritte come se fossero riflesse in uno specchio), degli errori di ortografia frequenti nei suoi scritti e perché iniziava moltissimi progetti contemporaneamente portandone a termine solo una piccola parte.

È comunque impossibile una diagnosi a posteriori, come nel caso di Albert Einstein, considerato il più grande scienziato di tutti i tempi, insieme a Newton. Dal punto di vista della dislessia, il caso di Einstein è singolare perché le notizie che si hanno di lui sono contraddittorie: c’è chi lo definisce con certezza un dislessico, chi affetto da una forma di autismo, chi invece dice che ciò ha contribuito a creare un’aura di romanticismo intorno alla sua figura. La realtà è che il piccolo Albert parlò con ritardo, ebbe difficoltà a legare con i coetanei e imparò a leggere all’età di nove anni.

“Da bambino non andai mai particolarmente bene o male a scuola. Il mio principale punto debole era una memoria povera, soprattutto per quanto riguarda le parole e i testi; non affollavo la mia memoria con i fatti che avrei potuto trovare facilmente in una enciclopedia”

  • tresor matera

Einstein in “Le aquile sono nate per volare”

Come studente Einstein trovava la scuola noiosa e intimidatoria e preferiva studiare da solo Fisica e suonare il violino. E’ vero. Einstein non superò gli esami per accedere all’università, anche perché, oltre ad avere soltanto sedici anni, due anni sotto la media, non aveva studiato. Nel 1900, infatti, riuscì a superare gli esami finali studiando dagli appunti di un compagno di classe: tuttavia il suo professore non gli consentì di proseguire gli studi. Fu Einstein stesso a dichiarare che non fu un bravo studente; egli sapeva di avere poca memoria; non riusciva soprattutto a scrivere correttamente dei testi. Non riuscendo a risolvere i problemi di matematica e di scienza, inventò una sua strategia; nel suo studio aveva una lavagna dove c’erano scritte le tabelline: Einstein non le imparò mai! Si pensa che fu proprio il suo modo inusuale di risolvere i problemi e l’essere un “sognatore” che l’ha aiutato a diventare il più grande scienziato del mondo.

Tratto da “Le aquile sono nate per volare”, Rossella Grenci , Edizioni La meridiana

Grafologia360_rischio-disgrafia

Chi sono i bambini dislessici?

I bambini dislessici corrono il rischio di essere etichettati come pigri, svogliati e disattenti. Perché fanno fatica a imparare a leggere e non riescono a farlo speditamente, col rischio di non capire quello che leggono. Difficilmente poi non incappano in qualche errore durante i dettati e, a volte, imparare a memoria una poesia è un’impresa tutta in salita. Ma non è questione di scarso impegno o mancanza di concentrazione; il bambino con Dislessia è particolare anche quando non legge: quando parla usa parole diverse tra loro credendo che significhino la stessa cosa, oppure ha poco interesse a parlare in maniera “corretta” e fatica ad imparare il linguaggio specifico delle varie materie. Non memorizza parole nuove con facilità ed è lento nel ricordare l’alfabeto, oppure non lo impara del tutto. Quando ascolta, il bambino potrebbe non comprendere del tutto il senso di ciò che gli viene detto, se il pensiero è ricco di frasi subordinate e se sono pochi gli esempi legati alla realtà concreta presenti nel discorso.

Come si manifesta?

La dislessia si presenta in quasi costante associazione ad altri disturbi. Si manifesta con una lettura scorretta ovvero numerosi errori commessi durante la lettura o maggior tempo nell’esecuzione. Può manifestarsi anche con una difficoltà di comprensione del testo scritto indipendente sia dai disturbi di comprensione in ascolto che dai disturbi di decodifica (correttezza e rapidità) del testo scritto. Il bambino spesso compie nella lettura errori caratteristici come l’inversione di lettere e di numeri e la sostituzione di lettere (m/n; v/f; b/d).Spesso il bambino finisce con l’avere problemi psicologici, quale demotivazione, scarsa autostima, ma questi sono una conseguenza, non la causa della dislessia.

Indicatori di rischio

1)difficoltà nell’associazione grafema-fonema e/o fonema grafema;
2) mancato raggiungimento del controllo sillabico
3) eccessiva lentezza

Come intervenire

Nel Centro per l’età evolutiva Eta Bet del Sicomoro, abbiamo affinato numerosi strumenti per aiutare a far fronte a questi disturbi.

Condividi

Brancaccio il Vescovo che ha cambiato la città

Brancaccio il Vescovo che ha cambiato la città

Dalla Bruna alla Cattedrale, anche se a Matera lo ricordano solo per la Residenza per anziani

  • InterTrainE Logo

Quello nella foto non è Mons. Brancaccio, ma Lanfranchi, i due avevano molte cose in comune, a partire dall’ordine monastico a cui appartenevano. Ma di Mons. Brancaccio non è sopravvissuto alcun ritratto. A differenza del suo imponente stemma episcopale, che invece troneggia in Cattedrale.

Mons. Antonio Maria Brancaccio, di origine napoletana, fu arcivescovo della diocesi di Matera ed Acerenza dal 1703 al 1722. Durante il suo episcopato modificò per sempre il volto della città.

L’opera più importante fu senza dubbio l’ammodernamento della Cattedrale (non interamente con lode, annota lo storico Morelli, non possiamo dargli torto), trasformata circa un secolo più tardi in una domus aurea per tutti gli stucchi e le doratue che furono aggiunti. È opera del nostro anche il Salone degli stemmi, la bellissima aula episcopale dove sono rappresentati i 24 paesi che facevano parte della diocesi, oltre ai ritratti degli arcivescovi dal Medioevo fino a metà Ottocento. Tra questi anche quello di Brancaccio, che però è andato perduto: dei saggi effettuati durante i lavori hanno rivelato che non si trova neanche sotto l’intonaco della che doveva originariamente ospitare il volto di Brancaccio. Molte testimonianze del glorioso episcopato sono oggi esposte al museo MATA.

È meno frequente, però, ricordare Mons Brancaccio per le opere ancor più importanti realizzate a favore dei poveri della città.

“In un secolo turbinoso quale fu il XVIII, il Secolo dei Lumi, a Matera si palesò la figura di uno dei più forti arcivescovi della Diocesi, che impegnò tutto se stesso a favore dei più poveri”

  • INTERCULTURAL TRAINING FOR EDUCATORS

L’opera sociale di Mons. Brancaccio

Istituì a Matera il primo “Monte frumentario”, opera benefica destinata a fornire agli agricoltori bisognosi il grano per la semina e per il sostentamento delle loro famiglie.

Ma l’opera per la quale ancora oggi viene ricordato è l’istituzione della Residenza per anziani che ancora porta il suo nome. Questa casa di riposo è tutt’altra da quella che fu “di Sant’Agostino”, che nel 1870 per l’eversione dei beni della Chiesa allo Stato italiano fu trasformata in caserma fino alla prima guerra mondiale. In seguito, finì per accogliere agli anziani poveri, con il patrocinio del Comune e delle famiglie benestanti, le cui donne erano conosciute col nome di “Dame della Carità”, coadiuvate dalle suore di S. Vincenzo. Questa sede fu poi abbandonata per carenza di servizi igienici. Fino all’erezione nel 1980 della moderna Residenza Brancaccio.

ICCD3501518_A0100040

A Mons. Brancaccio si deve anche la fondazione del monastero delle Clarisse, inizialmente una comunità di pentite che adottarono la regola di Santa Chirara, divenuta col tempo “centro di spiritualità francescana, rimasto vivo fino ai primi del secolo scorso.

La Cattedrale di Matera

Condividi

Tresor, artigiano della Silent Academy

Tresor, artigiano della Silent Academy

In Congo studiava architettura, a Matera lavorerà all'opera di Mimmo Paladino per Matera 2019

  • Tresor

Tresor è uno dei maestri migranti della Silent Academy, il progetto di Matera 2019 che il Sicomoro sta portando avanti con Fondazione Matera – Basilicata 2019. Sarà lui infatti a guidare i laboratori per la realizzazione della grande opera che l’artista Mimmo Paladino donerà alla Città.

Tresor e i suoi bambini sono stati ospiti del progetto SPRAR del Comune di Matera e poi beneficiario del progetto Fami Fra Noi, grazie al quale ha potuto fare un tirocinio presso un’impresa edile che l’ha poi assunto.

La storia di Tresor è una storia di rinascita e coraggio. Giovane studente di architettura è costretto a lasciare il Congo con sua moglie e i suoi tre figli. Dopo il carcere libico, che non ha risparmiato neanche i suoi figli, ha comprato la libertà della sua famiglia facendo il piastrellista. Fino a quando non è stato accompagnato alla costa alla volta dell’Europa.

Durante le operazioni di soccorso della Croce Rossa, il trambusto che si crea sulla nave fa scivolare in acqua il figlio più grande, sua moglie Judith si tuffa per provare a recuperarlo, ma non c’è niente da fare. Solo il corpo di Judith verrà recuperato dai soccorritori e poi tumulato nel cimitero di Matera.

La storia di Tresor è stata raccontata anche da Peppe Aquaro e Antonio Crispino per il Corriere della Sera.

“Ho due bambini. Avevo un terzo figlio, Tracy. E’ morto, è scomparso nell’acqua. Anche mia moglie è morta.”

Tresor, in IO SONO di Luisa Menazzi Moretti

  • tresor matera

Dall’omelia di Mons. Caiazzo per il funerale di Judith

Dietro questa morte c’è il gesto eroico di una mamma che non ha esitato a lasciarsi ingoiare dalle onde del mare pur di tentare di salvare il suo piccolo figlio.
Insieme a lei ogni giorno, ormai nel disinteresse generale, decine e decine di uomini, donne e bambini, che diventano centinaia, migliaia continuano a riempire i nostri mari. Sono numeri? Sotto tanti aspetti sì. Anche Judith era diventata il N. 7 fino a quando non si è arrivati al riconoscimento. Ma la maggior parte di essi sono identificati come numeri. E questo potrebbe essere normale ai fini burocratici e legislativi. La cosa più triste è quando, anche per colpa di taluni organi di informazione a livello nazionale (TV commerciali come vengono definite) si martella quotidianamente facendo passare volti di persone come me, come te, come numeri pericolosi che vengono a rovinare le nostre terre.

45077214_2683603075198636_8203088794614759424_o

Tresor è stato anche tra i protagonisti della mostra fotografica “Io sono” curata da Luisa Menazzi Moretti, prodotta da Città della Pace per i Bambini Basilicata, Cooperativa Sociale il Sicomoro e Arci Basilicata. Il progetto è composto da venti ritratti fotografici di grandi dimensioni di rifugiati e richiedenti asilo, ai quali si affiancano altrettanti pannelli con i testi delle loro storie raccolti dall’artista durante la sua recente permanenza in Basilicata.
Ogni singola persona, dunque, con il suo vissuto tragico ed il diritto alla ricerca di un futuro migliore, è al centro del lavoro della fotografa: quello di Luisa Menazzi Moretti è un invito allo spettatore a riconoscere l’unicità di ogni singola esperienza, di ogni ritratto, di ogni distinta vicenda umana. Un tentativo di comprensione, la possibilità di intuire le vite degli altri, di ognuno di essi.

Il percorso di inserimento lavorativo con il progetto Fra Noi

FraNoi, storie di integrazione: Tresor

"È bello che io che sono nuovo qui a Matera, sto aggiustando le case vecchie"Anche Tresor racconta la sua storia e i suoi progetti qui a Matera, che stiamo provando ad accompagnare, prima con lo #SPRAR e ora con #FAMI #FraNoi insieme al Consorzio Farsi Prossimo. Buon futuro Tresor, a te e alla tua magnifica famiglia!👉👉 Scopri anche le altre storie su http://www.ilsicomoro.net/fami-fra-noi-i-volti-e-le-storie-lucane/

Pubblicato da Il Sicomoro su Domenica 7 ottobre 2018

Condividi

Yunus, il Nobel per la pace a Panecotto

Yunus, il Nobel per la pace a Panecotto

Muhammad Yunus alla scoperta del ristorante etico di Matera

  • InterTrainE Logo

L’inventore del microcredito in visita a Panecotto, per un modello lucano di Social Business.

Il premio Nobel per la pace 2006, Muhammad Yunus punta alla Basilicata e inizia il suo viaggio alla scoperta del modello lucano di Social Business proprio da Panecotto. Il piccolo Bistrot Etico, nel cuore dei Sassi di Matera, ha affascinato e incuriosito l’economista bengalese ideatore del microcredito. Numerosissime sono infatti le domande che ha rivolto ai soci di MeST, la cooperativa che ha in gestione Panecotto. E l’approdo di ogni domanda finiva col confermare puntualmente la vicinanza del modello sviluppato negli anni con il Consorzio La Città Essenziale, ideatrice del progetto Panecotto, a quello di Social Business delineato da Yunus nel suo ultimo libro “Come eliminare definitivamente povertà, disoccupazione ed inquinamento”.

“Dato che il capitalismo è un sistema incompleto, bisogna integrarlo introducendo un nuovo tipo d’impresa, che tenga nel giusto conto la natura multidimensionale degli esseri umani.”

Muhammad Yunus, premio nobel per la pace

  • INTERCULTURAL TRAINING FOR EDUCATORS

Panecotto e il Sicomoro modelli da cui partire

L’impresa sociale, che metta al centro la persona, l’altruismo e la generosità, è oggi l’unica risposta credibile, perché concreta, ai problemi della disoccupazione giovanile, della povertà e dell’inquinamento. E trova in Panecotto un esempio da cui partire, per l’infrastrutturazione in Basilicata di un HUB per il Social Business che sia capace di rendere replicabile esperienze come quella del Bistrot Etico materano.

41341833_240304416633708_5181394510910849024_n

A far meritare il premio Nobel a Muammad Yunus nel 2006, c’è senza dubbio l’invenzione della Grameen Bank, la prima banca al mondo ad effettuare prestiti ai più poveri tra i poveri basandosi non sulla sovibilità, bensì sulla fiducia. Il progetto del banchiere dei poveri, oggi invece guarda alla Basilicata, e con il primo appuntamento di Yunus a Panecotto ha preso idealmente il via. Un progetto che affonda le sue radici in anni di lavoro preparatorio tra la Fondazione Città della Pace, Yunus Center e Regione Basilicata e che a maggio 2018 attraverso la sottoscrizione di un Memorandum ha previsto la creazione del primo HUB sperimentale sul Social Business in Basilicata.

Condividi

Said, la mia storia da San Chirico Raparo a Panecotto

Said, la mia storia da San Chirico Raparo a Panecotto

Arrivato in Italia a 14 anni, la sua storia tiene dentro i tanti volti del Sicomoro

  • InterTrainE Logo

Said aveva quattordici anni quando è arrivato in Italia. Nei diari di bordo di quel maledetto giorno non c’era l’Italia, ma la solita rotta commerciale che ormai era capace di percorrere nella sua memoria a occhi chiusi: su quella barca ci è cresciuto Said. Come suo nonno, il nonno di suo nonno: erano pescatori da generazioni.

Tanto che gli bastarono solo due anni di scuola in Egitto a rendere evidente quello che già sapeva: non era fatto per stare sui libri, ma lì, su quel magnifico, immenso, castello galleggiante, per pescare e navigare, e poi scendere a contrattare, urlare e litigare, nei mercati più importanti del Mediterraneo. Lì era la sua vita, aveva solo 13 anni e questa certezza.

Egitto, Libia, Malta. E poi al contrario, fino a casa. Invece no. Quel giorno le cose non andarono così. Le urla strazianti di venti, cento, mille – erano tantissimi – tra uomini, donne e bambini, venivano dal mare come minacce di condanna. Una carretta carica di immigrati si era rovesciata in mare aperto, lasciano scivolare in acqua disperazione e terrore. Salvarli, come? Caricarli, per portarli dove? E poi? Troppe domande, bisognava fare qualcosa, era già lì la morte che, uno ad uno, li stava tirando giù.

Tornare in Egitto con quel carico di fame e disperazione avrebbe significato l’ergastolo, lo sapevano. Venire in Italia in quel momento era l’unica soluzione. “No, no, vi prego! Torniamo a casa, vi prego”, provava a far sentire la sua voce Said, ma nella cabina nessuno gli diede retta.

Fu assegnato alla Comunità per minori stranieri non accompagnati a San Chirico Raparo, proprio mentre il Sicomoro stata per assumerne la gestione. Arrivammo insieme in quel piccolo paese in provincia di Potenza.

Pianse per settimane, mesi forse: doveva tornare a casa! Finché da casa arrivò quella telefonata: “è meglio che stai lì, figlio mio, studia, fatti una vita, che qui, senza la barca ormai, non è più come prima”. Era la voce di sua madre, anche se non voleva crederci, non poteva essere.

“Nella mia cucina mi piace raccontare la mia storia, fatta di contaminazioni lontane e sorprese inaspettate”

  • tresor matera

Avevamo una barca, andavamo a pescare con i miei fratelli, ero il più piccolo.

Said a San Chirico Raparo torna a scuola e prende la licenza media. Arriva il tempo delle scuole superiori e decide che da grande vuole fare lo chef. La famiglia di Valeria, la prima operatrice del Sicomoro che aveva conosciuto a San Chirico Raparo, accetta di prenderlo in affido, per permettergli di frequentare l’istituto alberghiero a Matera.

Dopo poco il Sicomoro decide di seguire il bistro Panecotto, nei Sassi di Matera e propone a Said di iniziare a seguire questo progetto. Intanto si diploma e diventa ufficialmente il primo chef di Panecotto. Contribuisce poi con lo chef Federico Valicenti a dar vita al menu dei colori che ora porta in giro per la Basilicata.

maxresdefault

Said è stato protagonista anche della mostra IO SONO di Luisa Menazzi Moretti.

Condividi