• Panecotto
  • Cialledda Piatto Matera Basilicata

BRANCACCIO

Il benessere dell’anziano è il centro di tutte le attività

La Residenza “Brancaccio” è una istituzione nella città di Matera che nasce nel 1934 in seno alla Chiesa di Matera come un’opera caritativa finalizzata a dare una risposta al problema delle persone anziane povere e spesso abbandonate; la sua sede è nel Convento di Sant’Agostino, nei Sassi di Matera.
L’opera nel 1980 si trasferisce nell’attuale edificio. Lo stabile è di proprietà della Fondazione Residenza Assistenziale Mons. Brancaccio che, fino al 6 luglio 2016, gestisce direttamente anche l’opera; da quella data la Cooperativa Sociale il Sicomoro subentra nella gestione della Residenza, a seguito del fitto di ramo d’azienda, dopo aver gestito per alcuni anni alcuni servizi della Residenza esternalizzati dalla Fondazione.

  • Panecotto Area Degustazione Vista Posteriore

La Residenza Mons. Brancaccio è ubicata a Matera in Via degli Etruschi n. 1. Lo stabile è di proprietà della Fondazione Residenza Assistenziale Mons. Brancaccio che ha fittato il ramo d’azienda alla Cooperativa Sociale il Sicomoro in data 6 luglio 2016. La Cooperativa è dunque subentrata nella gestione della Fondazione che l’ha esercitata, con forme giuridiche diverse da decenni.
Da dicembre 2016 è stata avviata una ristrutturazione dell’immobile che coinvolge le tecnologie, l’efficientamento energetico, gli spazi di socializzazione degli anziani, le camere di residenza, gli spazi esterni.
L’intervento è in corso di realizzazione, rispettando gli standard previsti dalla normativa vigente.
È dotata di giardino e di comodo posteggio, posto in prossimità dell’accesso centrale all’edificio. Le stanze di degenza sono distribuite su due piani della struttura mentre l’ambulatorio medico è al terzo piano.

La struttura può accogliere 100 ospiti di cui 56 non autosufficienti e 44 ospiti autosufficienti. Questa suddivisione può subire variazioni nel rispetto di accordi con l’ASM. Ci sono in totale 61 camere doppie, che su richiesta e previa valutazione di disponibilità, possono diventare a uso singolo.

È in corso un’importante ristrutturazione della struttura, a partire dagli ambienti comuni

  • Schermata 2019 02 27 Alle 11.44.10

Cardine dell’organizzazione assistenziale è il Piano Assistenziale Individualizzato

Le persone che operano all’interno della Residenza debbono mantenere un approccio il cui stile professionale garantisca che:

  • il residente sia protagonista e sia posto al centro del proprio lavoro;
  • l’attenzione venga rivolta tanto ai bisogni del singolo quanto del gruppo con specifico riferimento ai bisogni socio-assistenziali e alle esigenze di vita;
  • le relazioni umane tra familiari, colleghi e residenti, siano sostenute e sviluppate in ottica di collaborazione reciproca;
  • il proprio operato sia percepito come parte del più ampio impegno del Sicomoro in favore dello sviluppo dei territorio, della promozione dell’uomo, dell’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate, dell’integrazione di ciascuno a partire dai propri talenti.

Cardine dell’organizzazione assistenziale è il Piano Assistenziale Individualizzato, previsto per ogni Residente aggiornato ogni sei mesi, o anche più di frequente se necessario. Il PAI è sviluppato in equipe multidisciplinare che si incontra con cadenza settimanale, in cui sono presenti i rappresentanti di ogni figura professionale (medico, infermiere, operatore, fisioterapista, animatore) e analizzano i bisogni assistenziali dei Residenti, ne evidenziano le aree problematiche e pianificano di conseguenza il piano di approccio individualizzato alla persona. Inoltre mettono a fuoco degli obiettivi raggiungibili nel medio periodo, evidenziando le date di verifica intermedie e finali.

“La Casa di Riposo Brancaccio costituisce una testimonianza eloquente dell’apertura ai bisogni della società, che caratterizza la vostra comunità cristiana.”

Papa Giovanni Paolo II, DISCORSO AGLI ANZIANI OSPITI DELLA CASA DI RIPOSO «BRANCACCIO» Casa di Riposo “Brancaccio” (Matera) Sabato, 27 aprile 1991

Il primo giorno in Residenza

L’ingresso in Residenza è uno degli eventi più impegnativi che una persona possa sperimentare nell’arco della sua vita. Comporta un coinvolgimento di tutta la persona, in ogni sua componente e in ogni suo sistema, nonché della sua famiglia, che si aspettano risposte semplici e chiare, al fine di trovare il soddisfacimento dei propri bisogni espressi e inespressi. Oltre ad essere un evento totalmente coinvolgente, non va dimenticato che spesso segna il passo al decadimento fisico e/o psico – intellettivo e che, culturalmente è visto come uno degli eventi a valenza negativa. Per queste principali motivazioni l’ingresso dell’anziano e i primi giorni in struttura sono cadenzati da importanti momenti di analisi e valutazione congiunta in équipe e con i familiari.

Prima dell’ingresso in Residenza avviene la raccolta delle informazioni inerenti il futuro residente, attraverso un incontro con i familiari di riferimento effettuato da Assistente sociale, Direttore e Medico, Responsabile Sanitario. In questo incontro si cercano di evidenziare le caratteristiche del Residente, soprattutto le sue disabilità e dipendenze, considerando le difficoltà e fragilità della famiglia allargata. Usualmente i familiari visitano la struttura e conoscono le figure di riferimento. Vengono fornite tutte le informazioni richieste, cercando più di supportare la famiglia in un momento molto delicato, che di sommergere la stessa con notizie. Successivamente il caso viene presentato in équipe multidisciplinare, condividendo strategie di approccio e implementando un ambiente adeguato al nuovo Residente e impostando delle prime linee di azioni.

Le attività della Residenza Brancaccio

Condividi

Facebook
Twitter
Copia Link